Ruiz 🔥, Zielinski ♻️, Lautaro🚰 : le 5 facce di Inter-Napoli

Logo: OneFootball

OneFootball

Giacomo Galardini

Immagine dell'articolo: Ruiz 🔥, Zielinski ♻️, Lautaro🚰 : le 5 facce di Inter-Napoli

Ruggito del Napoli di Gattuso che grazie ad una partita grintosa e combattiva espugna San Siro e vince la sua prima semifinale d’andata dal 1991. Da recriminare solo l’atteggiamento che i partenopei hanno con le piccole, perchè se scendessero in campo sempre col cipiglio di stasera sarebbe dura per tutti.

Conte – dal canto suo – trova una partita brutta (e può capitare) dove il nervosismo di Skriniar è una novità (giallo inutile, sostituito negli spogliatoi) e la scarsa fortuna di Lukaku e Lautaro sotto porta fanno il resto. Male anche Sensi, mentre Padelli si riscatta parzialmente.


FABIAN RUIZ 🔥

A dire la verità non aveva combinato molto nei primi 45′ minuti, ma tornava da un influenza e ci ha messo un po’ a carburare. Torna al gol dopo 143 giorni, grande soddisfazione per un giocatore che ha solo bisogno di ritrovare un po’ di fiducia, ma ha la stoffa per cambiare le partite.

LAUTARO MARTINEZ 🚰

Non può essere sempre primavera. Lotta tanto con gli avversari, cercando di sovente il fraseggio con Lukaku. Va due volte vicino al gol del vantaggio, ma spara a salve. Poi, alla lunga si spegne. A secco.

ZIELINSKI ♻️

Quando abbiamo visto le formazioni abbiamo pensato al polacco come ala nel tridente, invece il numero 20 del Napoli si trova benissimo come mezzala, capace di creare densità in difesa e allargare la difesa nerazzurra in contropiede. Concreto.

SENSI  🐌

Capita di sbagliare una partita: non ci scordiamo che è il solito giocatore che al Camp Nou spaventò il Barcellona. Stasera si è visto in evidente difficoltà tecnica e fisica: arriva in ritardo sull’azione, poco reattivo sul gol. Opaco.

ELMAS  💪

A parte che Gattuso deve spiegarci come mai ha fatto giocare il macedone come ala destra e ha tenuto in panca Hirving Lozano, pagato la bellezza di 42 milioni quest’estate, ma lasciamo perdere per un secondo.

Nonostante giochi di fronte a Skriniar interpreta una partita dinamica e coraggiosa, aiutando molto in copertura su Moses e (a parte qualche volta che si innamora troppo del pallone) porta palla con personalità, facendo sempre la scelta giusta. Rivelazione.