🧹Kessie si prende il Barça: l'Inter non lo molla, il Milan lo "rimpiange" | OneFootball

Icon: OneFootball

OneFootball

Emilio Scibona·20. MÀrz 2023

🧹Kessie si prende il Barça: l'Inter non lo molla, il Milan lo "rimpiange"

Artikelbild:🧹Kessie si prende il Barça: l'Inter non lo molla, il Milan lo "rimpiange"

Dopo un inizio decisamente in sordina l’avventura di Franck Kessie al Barcellona potrebbe aver vissuto il suo turning point.

Il centrocampista ivoriano dal suo arrivo in blaugrana non Ăš mai stato un titolare fisso in virtĂč della concorrenza spietata data dai vari Pedri, Gavi, Busquets e De Jong, che gli ha lasciato poco minutaggio.


OneFootball Videos


Lo scenario perĂČ potrebbe cambiare dopo la rete decisiva segnata ieri nel “Clasico” contro il Real Madrid: un gol storico (poichĂ© Ăš il numero 3000 segnato al Nou Camp) ma soprattutto fondamentale per la corsa al titolo in Liga che ora vede i blaugrana a + 12 sui “Blancos”.

Un momento importante per Kessie, che già settimana scorsa, a fronte dei mille rumours sul suo addio a gennaio aveva detto chiaramente quale fosse il suo obiettivo in un intervista al Mundo Deportivo: ““È la mia prima stagione qui e nel mio futuro ho intenzione di restare a lungo. È una bellissima città, una grandissima squadra e ho un ottimo rapporto con compagni e tifosi”.

Parole che certo non vanno incontro all’Inter, che sull’ivoriano continua a farci piĂč di un pensiero e non solo in virtĂč di una possibile separazione con Brozovic.

Hakan Calhanoglu, amico di Kessie ed ex compagno al Milan, ha di fatto ammesso nei giorni scorsi un suo “pressing”: È un amico e un grande giocatore: qui i campioni sono sempre ben accetti. Parliamo tanto, questo ù vero. Lui sa di giocare in una grande squadra, ma sa anche che l’Inter non sarebbe meno”.

Nell’ambiente Milan, che lo ha perso a parametro zero dopo 5 stagioni, intanto comincia ad esserci piĂč di qualche rimpianto: l’assenza del suo lavoro sporco in mezzo al campo (nonchĂ© di un profilo che fosse in grado di prenderne il posto) infatti si sta facendo sentire nell’economia delle prestazioni rossonere.

L’idea di poter fare a meno a cuor leggero dell’ex ivoriano alla fine non si sta rivelando così indolore rispetto alle aspettative e alle speranze iniziali.