Pagelle Sampdoria-Monza: Caputo fantasma, Bereszynski e Villar disastrosi | OneFootball

Icon: Sampnews24

Sampnews24

·2 ottobre 2022

Pagelle Sampdoria-Monza: Caputo fantasma, Bereszynski e Villar disastrosi

Immagine dell'articolo:Pagelle Sampdoria-Monza: Caputo fantasma, Bereszynski e Villar disastrosi

Pagelle Sampdoria-Monza: i voti ai calciatori blucerchiati al termine del match contro la squadra biancorossa

Audero 6 – Non ha colpe sui gol subiti. Compie una serie di interventi che salvano i blucerchiati nei momenti chiave della partita.

Bereszynski 4,5 – Nervoso e disattento. È la fotocopia dell’attuale situazione del club (dal 68′ Conti 5 – Cerca di dare più spinta offensiva sulla fascia destra, ma è impreciso).

Murillo 5 – Leggermente meglio di Colley, ma è comunque un disastro. Quante imprecisioni per uno della sua esperienza…

Colley 4,5 – Si ferma clamorosamente e concede a Pessina l’opportunità di sbloccare il risultato, poi interviene in maniera maldestra su un cross e regala a Caprari il pallone del 2-0.

Augello 5 – Disputa la solita partita in chiaroscuro. In difesa fa acqua, in attacco cerca di offrire qualche cross per la testa dei compagni.

Villar 5 Inconsistente. Sembra spaesato, non sa cosa fare col pallone tra i piedi. E infatti molte volte lo perde (dal 57′ Vieira 5,5 – Entrare o no, non fa differenza. Il suo apporto è nullo).

Gabbiadini 5,5 – La scelta tattica di schierarlo largo a destra è inconcepibile. Lui ci prova come può e in un’occasione va anche vicino alla rete (dal 74′ Pussetto sv).

Rincon 5,5 – Prestazione grintosa e di cuore. Peccato per quel contatto con Izzo non giudicato da rigore, su suggerimento del VAR.

Sabiri 5,5 – Nel primo tempo sfiora la magia che potrebbe rimettere in carreggiata la Sampdoria. Le sue giocate sono vane, perde più tempo a parlare con l’arbitro che a giocare.

Djuricic 5,5 Tocca tanti palloni, ma quelli effettivamente interessanti si contano sulle dita di una mano (dal 68′ Verre 5 – Inguardabile. C’è poco da dire).

Caputo 4,5 – Un fantasma. E ripeto: colpa del modulo, sì, ma anche sua (dal 57′ Quagliarella 5.5 – Prova a scuotere la squadra con passaggi da un lato all’altro e qualche sportellata agli avversari).

Visualizza l' imprint del creator