⚔️ Osimhen risponde a Lewa, l'andata è 1-1! Kvara, il gesto al cambio...🤬 | OneFootball

⚔️ Osimhen risponde a Lewa, l'andata è 1-1! Kvara, il gesto al cambio...🤬 | OneFootball

Icon: OneFootball

OneFootball

Diego D'Avanzo·21 febbraio 2024

⚔️ Osimhen risponde a Lewa, l'andata è 1-1! Kvara, il gesto al cambio...🤬

Immagine dell'articolo:⚔️ Osimhen risponde a Lewa, l'andata è 1-1! Kvara, il gesto al cambio...🤬

Finisce 1-1 l’andata degli ottavi di finale di Champions tra Napoli e Barcellona. Un match dai due volti, che ha visto dominare i catalani nel primo tempo, in cui gli azzurri non hanno mai tirato verso la porta ospite, e il ritorno degli uomini di Calzona nel finale.

Segnano i due top player, Lewandowski e Osimhen, e lo fanno in modo simile. Per Victor un gol pesante, che lo porta nella storia dei campani al secondo posto dietro a Mertens come numero di gol in Champions al Maradona.


OneFootball Video


Ora tutto si sposta a Barcellona, dove il 12 marzo andrà in scena il secondo round.


Si fa male Politano

Subito dopo il gol, Calzona toglie Osimhen e Politano. Ma se nel caso del nigeriano si tratta di una scelta tecnica, per l’esterno italiano c’è da registrare un problema muscolare dopo uno scatto che verrà valutato nelle prossime ore.


Raggiunto Insigne

Un gol importante e pure storico per Osimhen, che sigla la sesta rete in Champions davanti al proprio pubblico. Raggiunto Lorenzo Insigne al secondo posto, mentre davanti resta Dries “Ciro” Mertens con 11 gol.


È TORNATO OSIMHEN

Un tiro in porta, un gol: il Napoli la pareggia così, con l’uomo più atteso e nel momento più delicato. Osimhen vince il contrasto con Christensen e spiazza ter Stegen, facendo esplodere il Maradona e togliendosi la maschera per esultare.

Proteste degli ospiti per il contatto, che però è regolare come confermato da Calvarese a Prime Video: “Gol regolare, c’è un corpo a corpo. Il difensore prova a prendere il tempo ma Osimhen si mette davanti e si gira. Gol buono“.


Kvaratskhelia, gesto di stizza

Nota negativa della serata la reazione di Kvaratskhelia al momento della sostituzione. Il georgiano, infatti, è stato immortalato mentre gettava a terra una fascetta e lanciava un’occhiataccia in direzione della panchina azzurra.

Immagine dell'articolo:⚔️ Osimhen risponde a Lewa, l'andata è 1-1! Kvara, il gesto al cambio...🤬

Un gesto che farà discutere, anche se poi l’ovazione del Maradona sembrava aver chiuso il discorso.


La statistica clamorosa

Un gol che ha dell’incredibile per Lewandowski, che diventa così il primo giocatore del Barça (Messi escluso) a segnare un gol in una fase a eliminazione della Champions League dalla rete di Luis Suarez nell’8-2 contro il Bayern Monaco del 2020.

Anche in quel caso Lewandowski era in campo, ma con un’altra maglia addosso. Tra l’altro, con il gol di oggi Robert diventa il marcatore più anziano nella storia delle gare a eliminazione diretta della Champions. Sorpassato Leo Messi.


Lewa, prima il tuffo e poi la zampata

Non un tiro, ma un accenno di simulazione per il numero 9 polacco. L’ex Bayern cerca il contatto con Olivera, che però non interviene.

Immagine dell'articolo:⚔️ Osimhen risponde a Lewa, l'andata è 1-1! Kvara, il gesto al cambio...🤬

Il risultato è il più classico dei tuffi, anche se va detto che non ci sia stata protesta del bomber. Proprio il classe ’88, però, 60′ trova il guizzo che vale lo 0-1 sull’imbucata di Pedri.

Per Lewa è la quarta partita a segno di fila dopo i gol ad Alaves, Granada e Celta vigo.


Napoli, 0 tiri in tutto il tempo

Partita davvero complicata per gli azzurri, che nel corso di tutto il primo tempo non calciano mai verso la porta di ter Stegen. Lo zero alla voce “conclusioni” fa impressione.

Un dettaglio non da poco, se si pensa che era dal 2016 che il Barça non riusciva a chiudere un primo tempo in Champions senza concedere tiri. In una eliminazione diretta, invece, i blaugrana non ci riuscivano addirittura dal 2011 contro il Real Madrid.

Un dato che sottolinea le difficoltà del Napoli, anche di fronte a un Barcellona che in stagione ha mostrato gravi amnesie difensive.


Che ritorno per Meret!

Dopo la titolarità con il Genoa, Meret si riprende la porta anche in Champions e lo fa con un primo tempo da applausi.

Immagine dell'articolo:⚔️ Osimhen risponde a Lewa, l'andata è 1-1! Kvara, il gesto al cambio...🤬

Tre parate, 24 tocchi e un mezzo miracolo su Gundogan, che tira una “sassata” sotto la traversa ma trova la gran risposta del numero 1 azzurro.


Subito VAR al lavoro

Prima protesta al 17′, con Lamine Yamal che chiede il penalty. Sul suo crosso, il pallone tocca il braccio destro di Olivera, che però non fa niente per cercare il contatto. Nessun rigore e decisione corretta, come confermato da Gianpaolo Calvarese in diretta.


Tutte le voci per Maradona

Come detto, è la partita di Diego, nello stadio intitolato a lui. Prima del fischio d’inizio, al momento del riscaldamento, entrambe le tifoserie hanno unito le proprie voci per un coro in onore del Mas Grande.


Il prepartita di Calzona

Anche il neo tecnico del Napoli ha parlato prima della partita: “È successo tutto in fretta, sono entrato in una specie di frullatore. Ora sono tranquillo, nel mio mondo. Oggi vorrei che facessimo le partita, ne abbiamo i mezzi. Incontriamo una squadra forte e andremo in sofferenza. Il ritorno di Osimhen? Chiaramente mi aspetto tanto da lui. Ho avuto tre maestri. Oltre a Sarri e Spalletti c’è anche Di Francesco che stimo tanto. De Laurentiis? È stato carinissimo e sereno. Se vuole venire in spogliatoio non ho problemi“.


Meluso su Calzona

Il ds azzurro, Mauro Meluso, ha parlato prima del match: “Calzona? Ha avuto un impatto molto positivo sulla squadra e lo si è visto in questi due allenamenti. Ha spiegato 3-4 concetti e non poteva fare di più, ma siamo fiduciosi sull’impatto iniziale anche perché quando c’è un cambio c’è sempre uno scatto psicologico“.


Deco emozionato

Il ds del Barcellona, Deco, non ha nascosto di provare una certa gioia nel giocare in uno stadio intitolato a Diego: “Maradona è stato il più grande della storia del Napoli, quando crescevo era uno dei miei idoli ed è bellissimo giocare in questo stadio“.


Yamal nella storia

Tra gli spagnoli uno dei più attesi è Lamine Yamal, che a 16 anni e 223 giorni diventerà il giocatore più giovane a disputare un incontro valido per una fase finale di Champions League. Predestinato.


19:42 – L’arrivo dei pullman

Cori a profusione al momento dell’arrivo del pullman del Napoli: “Devi vincere”, messaggio chiaro.


18:00 – Tifosi del Barça a Napoli

Durante tutto il giorno le vie di Napoli si sono riempite di tifosi catalani e la città si è trasformata in un una specie di fusione tra i colori azzurri e quelli blaugrana.