Mihajlovic: “Mourinho mi è quasi sempre stato simpatico. Mi è stato vicino nel momento della malattia” | OneFootball

Mihajlovic: “Mourinho mi è quasi sempre stato simpatico. Mi è stato vicino nel momento della malattia”

Logo: Pagine Romaniste

Pagine Romaniste

Sinisa Mihajlovic è intervenuto in conferenza stampa. Il tecnico del Bologna ha presentato la sfida di domani contro la Roma. Queste le parole del tecnico rossoblù.

Prova di maturità contro la Roma?

Sicuramente è una partita importante. Abbiamo pareggiato a Bergamo, perso con l’Inter e le partite con Milan e Napoli, a decisioni arbitrali invertite, avremmo potuto vincerle anche noi. Noi domani giochiamo in casa, abbiamo una buona classifica, e affrontiamo una squadra forte con un grande allenatore. Spero in uno stadio pieno, perché il tifo per noi è importante. Non sappiamo quello che succederà ma se dovessimo vincere andremmo a un punto dalla Roma e manterremmo la classifica. La nostra mentalità è quella di rispettare ogni avversario, affrontandolo senza paura.

Caratterialmente cosa ti accomuna a Mourinho?

Lui è un grande allenatore e una grande persona. Siamo amici, ogni tanto ci sentiamo e sono molto contento di vederlo domani. Mi è quasi sempre stato simpatico, solo all’inizio abbiamo bisticciato. Mi è sempre stato vicino, anche nel momento della malattia e questo non lo dimentico. Veniamo da due paesi in cui la furbizia e la lealtà la fanno da padrone nei caratteri della gente, quindi qualcosa in comune c’è.

Perché litigaste all’inizio?

Mi ricordo che col Catania contro l’Inter del triplete vincemmo noi. Poi quando arrivò a Roma lui disse qualcosa contro di me e io risposi che non potevo parlare con uno che non aveva mai giocato a calcio ad alti livelli. Alla fine però ci siamo chiariti, siamo rimasti amici. Quando sono diventato nonno mi ha scritto che non vedeva l’ora capitasse anche a lui e io gli ho risposto che per diventare nonno c’è sempre tempo.

Quel Bologna-Roma dell’anno scorso è forse la partita più da cancellare (1-5 per i giallorossi, ndr).

Sì, può capire quando si gioca queste squadre contro le quali bisogna sempre fare la partita perfetta. Ogni gara è una storia a sé, non dobbiamo credere di poter fare sempre il meglio ogni volta.

Menzionato in questo articolo

Visualizza l' imprint del creator