Lundorf: «La Juve è stato un dovere. Champions? Sicura che…» | OneFootball

Icon: Juventusnews24

Juventusnews24

·28 settembre 2022

Lundorf: «La Juve è stato un dovere. Champions? Sicura che…»

Immagine dell'articolo:Lundorf: «La Juve è stato un dovere. Champions? Sicura che…»

Matilde Lundorf, difensore della Juventus Women, si è raccontata in una lunga intervista: le sue dichiarazioni

Matilde Lundorf ha parlato ai microfoni di Goal.

Le dichiarazioni del difensore della Juventus.

CALCIO – «Ho un fratello maggiore che ha giocato: l’ho sempre ammirato, abbiamo sempre giocato insieme. Abbiamo un legame stretto. Mi sono innamorata di questo sport fin dall’inizio».

JUVE – «Andare alla Juventus è stato un dovere, onestamente: è un grande club con una grande storia, non avrei mai potuto di dir di no. Avevo sentito il mio agente quest’estate perché mi aveva detto che c’erano alcuni club che mi volevano, ma all’inizio non mi aveva detto della Juventus. Poi quando lo ha fatto ho risposto ‘Aspetta, aspetta, aspetta un attimo. Fermati. Cosa?!’. È un grande club».

CONCORRENZA – «Sì, è dura a volte non essere scelta per andare in campo, ma quando sei in un buon periodo e giochi, ti senti bene perché senti che te lo sei meritato. È una cosa buona per tutti perché in allenamento devi dare il massimo. Certo, è dura, mentalmente è dura, anche perché ho lasciato la mia famiglia e i miei amici in Danimarca. Adoro la Danimarca, ho lasciato tutto per giocare a calcio, quindi quando siedo in panchina nel weekend mi viene da pensare: ‘Oh, no’, perché ho lasciato tutto per sedermi in panchina, ma quando gioco tutto assume un senso».

AVVERSARIA PIU’ DIFFICILE – «Penso Bonansea perché ha una buona tecnica, ma è anche molto veloce. Spesso giochiamo contro, nella stessa zona, e lottiamo».

CHAMPIONS LEAGUE – «L’anno scorso abbiamo fatto così bene: abbiamo creduto in noi stesse, ma credo che con lo scorso anno abbiamo capito ciò che possiamo fare. Quindi quest’anno sappiamo che possiamo farlo. Dobbiamo solo rifarlo. So che vinciamo da anni, ma non è facile. Le altre squadre si sono rinforzate con calciatrici internazionali e ogni anno si fa più difficile, ma la gente si aspetta tanto da noi. Vogliamo vincere ancora, ma dobbiamo giocare tante gare in questa stagione. Dobbiamo pensare a una gara alla volta, è il modo migliore per vincere».

Visualizza l' imprint del creator