📝 Lukaku-D'Ambrosio, l'Inter passa contro il Genoa: delude Lautaro

Logo: OneFootball

OneFootball

Matteo Moretto

Immagine dell'articolo: 📝 Lukaku-D'Ambrosio, l'Inter passa contro il Genoa: delude Lautaro

Partita dominata e vinta meritatamente. L’Inter passa a Genova contro la squadra di Maran.

Serie A

Genoa
Inter

Il primo tempo tra Genoa e Inter è quasi a zero. Zero emozioni (rilevanti) perché zero tiri in porta sia dall’una che dall’altra parte. L’unico brivido, vero, oltre a un tiro di Vidal a botta sicura murato da Bani, lo confeziona Lautaro Martinez al minuto 33.

Cross di D’Ambrosio e girata al volo dell’argentino da dentro l’area. Il tiro, deviato dal difensore, esce di pochissimo con Perin battuto.

Eriksen benino a sprazzi, soprattutto con lanci lunghi precisi e millimetrici. Ranocchia attento. Insofferente Lukaku, poco contento con il lavoro dei compagni.

Da sottolineare come Vidal e Lautaro abbiano avuto spesso da ridire – solo qualche confronto – con l’allenatore, Conte, segnale di come il pareggio non soddisfi nessuno.  Nel Genoa difesa rocciosa e ottima personalità per Rovella, uno dei migliori in assoluto.

Ad inizio ripresa si vede Hakimi al posto di Perisic, con Darmian che cambia fascia. E Barella al posto del danese.

Calma piatta fino al minuto 63 quando il nuovo entrato Barella illumina il gioco: scintilla in verticale per Lukaku che elude l’intervento di Goldaniga con una finta di corpo e batte Perin con un tiro imparabile. Inter in vantaggio.

Al minuto 70 esordio per Pinamonti che prende il posto di un Lautaro spento e decisamente nervoso: dopo esser stato sostituito, l’argentino ha sfogato tutta la propria rabbia contro la panchina. Una raffica di schiaffi che non sono passati inosservati.

L’Inter la gestisce fino alla fine, chiudendola al 79′ con D’Ambrosio che sugli sviluppi di un corner la butta dentro come un vero attaccante. Assist di Ranocchia.

Sorride Conte, nonostante un primo tempo incolore. Ma non c’è mai stata storia, dall’inizio alla fine.