L’Empoli batte il Brescia e si prepara a volare in Serie A: al “Castellani” è 4-2 azzurro

Logo: PianetaSerieB

PianetaSerieB

Immagine dell'articolo: https://image-service.onefootball.com/crop/face?h=810&image=https%3A%2F%2Fwww.pianetaserieb.it%2Fwp-content%2Fuploads%2F2021%2F03%2FStadio-Castellani-Empoli.jpg&q=25&w=1080

CASTELLANI EMPOLI BRESCIA – Successo che sa di Serie A quello ottenuto dall’Empoli sul Brescia: al “Castellani” termina 4-2 al termine di un match dominato dagli azzurri, nonostante il doppio ritorno delle Rondinelle.

Parte subito forte la squadra di Dionisi che al 2′ si rende già pericolosa dalla parti di Joronen: Bajrami pesca La Mantia nel cuore dell’area di rigore lombarda, l’ex Lecce ci prova con una semi rovesciata ma la sfera finisce sopra la traversa. Pochi secondi dopo, è Haas a tentare l’eurogoal dalla lunga distanza ma la sua conclusione termina abbondantemente out. Al 6′ altro squillo dei toscani: Bajrami raccoglie il pallone al limite dell’area di rigore e calcia con il destro tra le braccia di Joronen. Al 10′ vantaggio dell’Empoli: strappo sontuoso di Parisi sulla sinistra e cross rasoterra dell’ex Avellino che viene, in un primo momento, intercettato da Joronen; la sfera scivola però in maniera goffa dalle braccia dell’estremo difensore finlandese che, perdendo disponibilità e visuale della stessa, infila clamorosamente nella propria rete. Errore clamoroso, specie perché commesso da uno dei migliori portieri della categoria, che chiede immediatamente scusa ai compagni. Al 17′ immediato raddoppio azzurro: Sabelli recupera palla e serve Haas il quale, a sua volta, serve Bajrami che, dal limite, scaglia un destro chirurgico sul secondo palo dove Joronen non può arrivare. Troppo lo spazio concesso da parte della retroguardia ospite, non reattiva ad opporsi all’avanzata del fantasista albanese. Al 22′ errore sanguinoso di Mangraviti in fase di impostazione: recupera palla Zurkowski che, dal limite, lascia partire un potente sinistro che sorvola di poco la traversa. Brescia in oggettiva confusione dopo il doppio schiaffo subìto in neanche venti minuti. Al 27′ però, quasi dal nulla, il Brescia la riapre: Labojko serve in profondità Bjarnason che, con un preciso mancino, fredda Brignoli sul secondo palo. Al 32′ ci prova La Mantia: conclusione centrale facilmente preda di Joronen. Al 38′ clamorosa occasione per il tris azzurro: strappo bruciante di Bajrami che entra in area e serve Mancuso: il bomber ex Pescara, solo davanti a Joronen, si fa ipnotizzare dall’estremo difensore delle Rondinelle. Al 43′ proteste di Ndoj per un tocco di mano in area da parte di Romagnoli: l’infrazione sembra esserci ma non è ravvisata da parte del Sig. Ayroldi, sicuramente non ben posizionato nel frangente. Al 45′ arriva il tris dell’Empoli: Parisi per La Mantia che, quasi da pivot, appoggia per il tiro da fuori di Stulac il quale beffa Joronen. Poco reattivo, anche se evidentemente coperto da diversi uomini, il portiere del Brescia, battuto dalla conclusione però non irresistibile dello sloveno sul proprio palo. Termina qui la prima frazione.

Nessun cambio al via della ripresa. Al 47′ subito grande palla goal per l’Empoli: palla dietro di Bajrami, velo di La Mantia e conclusione quasi perfetta da fuori di Mancuso, sulla quale è superlativo Joronen a deviare in corner. Al 51′ ancora Bajrami da rifinitore: palla per Zurkowski che mette a sedere Karacic e calcia, trovando i guanti di Joronen. Al 54′ grande stacco di Romagnoli su calcio di punizione: risponde ancora presente Joronen che evita il poker azzurro con un altro bell’intervento. Al 56′ è La Mantia a sfiorare la traversa dopo un schema da corner perfetto dei toscani. Grandina sulla porta di Joronen: poco dopo è Stulac, infatti, ad andare a centimetri dal bersaglio con un tentativo da fuori. Monologo azzurro: al 61′ Mancuso indirizza per Haas, tiro al volo dell’ex Frosinone che sfiora il secondo palo. Al 64′ destro a giro del solito Bajrami che però non scende a sufficienza e si spegne sopra la traversa. Al 66′ il neo entrato Matos, imbeccato da Mancuso, centra l’esterno della rete. Al 72′ il Brescia la riapre nuovamente: Martella batte il corner, incertezza di Brignoli che non esce complice una deviazione di Zurkowski e Donnarumma, a due passi dalla linea, insacca per il goal dell’ex. All’83’ arriva il poker dell’Empoli: ancora Bajrami a mandare a spasso la difesa del Brescia ed a calciare verso la porta; respinta corta di Joronen sui piedi di Matos che, a porta vuota, non sbaglia. 

TABELLINO –

EMPOLI-BRESCIA 4-2: aut. Joronen 10′, Bajrami 17′, Bjarnason 27′, Stulac 45′ , Donnarumma 72′, Matos 84′

EMPOLI (4-3-1-2): Brignoli; Sabelli (Cambiaso 91′), Nikolaou, Romagnoli, Parisi; Haas, Stulac (Bandinelli 63′), Zurkowski (Ricci 78′); Bajrami; La Mantia (Matos 63′), Mancuso (Moreo 78′) All. Dionisi

BRESCIA (4-2-3-1): Joronen; Karacic, Cistana. Mangraviti, Pajac (Martella 67′); Van de Looi, Labojko (Ragusa 56′); Jagiello (Bisoli 67′), Bjarnason (Fridjonsson 85′), Ndoj (Donanarumma 56′);  Ayè All. Clotet

AMMONITI: Ndoj, Mangraviti

ESPULSI: –

ARBITRO: Ayroldi della Sezione di Molfetta