🔥 Il no di Sarri, bufera Ibra e Conte attapirato: le news di oggi

Logo: OneFootball

OneFootball

Davide Zanelli

Immagine dell'articolo: 🔥 Il no di Sarri, bufera Ibra e Conte attapirato: le news di oggi

Il mondo del calcio si è fermato per Diego Armando Maradona, ma lo show deve continuare, anche nei momenti più difficili.

Ecco le notizie più importanti di oggi per le squadre italiane.


Juventus: un altro no da Sarri

Maurizio Sarri ha ribadito il suo “no” alla Juventus per una risoluzione anticipata del contratto. Il forcing del club continua, ma – scrive Calciomercato.com – un’intesa era legata alla possibilità per il tecnico di ripartire subito con una nuova avventura: solo in quel caso avrebbe accettato l’idea di fare sconti.

Nello specifico era la Fiorentina ad essersi fatta sotto, salvo poi cambiare direzione verso Cesare Prandelli. Resta viva l’idea di un Sarri per il salto di qualità del club di Rocco Commisso, ma in futuro. Perché a stagione in corso sarebbe stato complicato e costo accontentare le sue richieste economiche e progettuali.


Inter: Conte è attapirato

Ai microfoni di Striscia la Notizia, che gli ha consegnato il classico tapiro d’oro, Antonio Conte ha parlato anche di futuro e dell’umore della squadra.

 


Milan: la furia di Raiola e Ibrahimovic

Intervistato da TalkSport, Mino Raiola agente di Ibrahimovic, ha così parlato della vicenda legata alle accuse di Ibrahimovic alla EA Sport: “Azione legale? Se necessario, sì. E non solo Zlatan; Zlatan è solo la punta dell’iceberg. Questa è una cosa che riguarda tutti i giocatori. Si tratta di un conflitto di lunga data che abbiamo con EA Sports che ha sempre evitato noi e le nostre domande, e ora capiscono che siamo seri. Gli interlocutori con cui ha raggiunto l’accordo la EA non ha quel tipo di diritto. Pensi che EA Sports lavori per beneficenza? È un gioco commerciale, no? Questi soldi dovrebbero andare ai giocatori”.


Napoli: l’omaggio di stasera a D10S

“Oggi alle 20.45 Napoli ricorda Diego Armando Maradona. Prima della partita metteremo alle finestre luci e candele e alle 21, dopo il minuto di silenzio, faremo partire da ogni finestra di Napoli il più grande applauso mai sentito nella storia della città. Grideremo il nome di Diego per far sentire al mondo che non lo dimenticheremo mai, che è il nostro figlio e fratelli più amato”.

Questo il testo dell’addio di Napoli a Maradona che è stato stampato su manifesti funebri, con il volto di Diego con il Vesuvio sullo sfondo. Stasera Napoli avrebbe voluto dare il suo saluto a Maradona dallo stadio San Paolo dove si gioca il match di Europa League contro il Rijeka, ma lo stadio sarà vuoto per il Covid-19. Prima dell’inizio della partita ci sarà un minuto di silenzio in campo, che i napoletani aspetteranno per poi salutare il loro idolo con un lungo applauso e il coro con il suo nome.


Roma: svolta per lo stadio?

Durante la mattinata di ieri si è sparsa la voce di un incontro tra Carlo Calenda, candidato Sindaco di Roma, e i vertici giallorossi Fienga e Scalera. Il meeting è stato smentito da Azione e dai diretti interessati. Scalera è ancora molto impegnato nella sua attività al Ministero e si calerà con entusiasmo nella sua avventura tra poco più di un mese. Gli ultimi sviluppi dello Stadio, comunque, allontanano Tor di Valle. Secondo il Corriere dello Sport, i Friedkin vorrebbero prendere in esame altre soluzioni, non ultima quella del Flaminio.


Lazio: Re Ciro nella formazione della settimana.

C’è Ciro Immobile nei migliori undici giocatori dell’ultimo turno di Champions League. L’attaccante della Lazio guida l’attacco insieme a Braithwaite del Barcellona: escluso il Golden Boy, Haaland. Tra i pali, Guilherme della Lokomotiv Mosca. Difesa a 3 composta da Zaidu (Porto), Elvedi e Wendt (Borussia Mon.). Gosens dell’Atalanta e Dest del Barça sugli esterni. Centrocampo con Coman (Bayern M.), Stindl (Borussia Mon.) e Bruno Fernandes (Manchester Utd).