Il Bayern fa spesa in casa Ajax: Gravenberch e Mazraoui volano in Baviera | OneFootball

Il Bayern fa spesa in casa Ajax: Gravenberch e Mazraoui volano in Baviera

Logo: Footbola

Footbola

Dopo l’addio di Gotze per l’Eintracht Francoforte, altri due talenti del calcio olandese decidono di volare in Bundesliga e sono Gravenberch e Mazraoui. Il Bayern Monaco da tempo aveva messo gli occhi su questi ragazzi per ringiovanire la rosa e per dare a Nagelsmann nuova linfa per i suoi schemi: l’Ajax viene scippato di due ottimi prospetti che erano cresciuti nelle giovanili del club olandese.

LA BAVIERA HA DUE NUOVI GIOIELLI: GRAVENBERCH E MAZRAOUI GIUNGONO A MONACO

Sarebbe stato impossibile trattenerli per un altro anno ad Amsterdam soprattutto dopo l’interessamento di tante big e l’addio di Ten Hag, l’allenatore che più li ha messi in mostra negli ultimi anni. Salutano insieme Gravenberch e Mazraoui, entrambi per approdare al Bayern Monaco che aveva messo nel suo mirino anche Haller che, andrà, al Dortmund.

Photo by MAURICE VAN STEEN/ANP/AFP via Getty Images

Del centrocampista avevamo già parlato in passato, sottolineando come le giovanili dell’Ajax riuscissero ancora a sfoderare grandi talenti: dopo la partenza di Klaassen, F. de Jong e Van de Beek, il ragazzo era stato incoronato come nuovo trascinatore del centrocampo grazie all’ottima gamba e ad un piede educato, soprattutto in fase di impostazione. Gravenberch distrusse due record di Seedorf tra i quali quello di debuttante più giovane dell’Eredivisie. Con gli ajacidi saranno 3 le annate da titolare con ben 72 presenze in Eredivisie e 7 gol e 11 assist: oltre a questo è riuscito ad alzare al cielo 2 campionati olandesi, 2 KNVB Beker e una Johan Cruijff Schaal. Tutto questo all’età di 20 anni appena compiuti. Il Bayern da tempo lo stava monitorando e ha colpito nel momento giusto: l’Ajax è in piena evoluzione e sta cambiando l’intera rosa. I tedeschi hanno versato la bellezza di 25 milioni nelle casse del club olandese che ha ringraziato per l’enorme plusvalenza e ha salutato un’altra creatura del proprio vivaio che, adesso, dovrà combattere con le unghie e con i denti per avere una maglia da titolare. Nel 4-2-3-1 di Nagelsmann può ricoprire il ruolo di interno di centrocampo che al momento è di Kimmich e Goretzka oppure quello di trequartista al posto di Muller: ovviamente non partità subito dal primo minuto ma sarà utile per il turnover.

Stessa situazione per Mazraoui, ormai leader della fascia destra dell’Ajax: il ragazzo, in scadenza di contratto, ha deciso di non rinnovare e di abbandonare Amsterdam a parametro zero. Su di lui c’era anche l’interesse di Roma e Milan, oltre a quella del Manchester United dove Ten Hag ha sperato di averlo fino all’ultimo minuto. Invece, il marocchino, ha scelto di volare in Baviera insieme a Gravenberch per andare a prendere il posto di Pavard o Davies, vista la sua duttilità che gli permette di giocare anche a sinistra. Ovvio che può essere avanzato di posizione, ma vista l’abbondanza di centrocampisti laterali e attaccanti di fascia, verrà utilizzato prettamente come terzino. Il ragazzo, 25 anni a novembre, ha indossato per 5 anni la maglia da titolare con gli ajacidi con l’esordio in Eredivisie nella stagione 2017-2018: per lui 95 partite nella massima serie olandese, 6 gol e 4 assist vincenti, mettendo in bacheca 3 Eredivisie, 2 KNVB Beker e una Johan Cruijff Schall. La sua forza è proprio la velocità con la quale riesce a dare superiorità numerica e ad affondare sulla fascia per andare al cross: nell’ultimo anno ha affinato anche la sua vena realizzativa, gonfiando la rete con più regolarità. Nagelsmann scopre un elemento duttile e assolutamente letale tra le frecce del suo arco: l’Ajax si priva di un altro gioiello della sua scuola calcio, cercando di ricostruirsi il prima possibile.

Menzionato in questo articolo

Visualizza l' imprint del creator