Europa League, Napoli-Rijeka: 2-0, nel nome di Maradona

Logo: CalcioInPillole

CalcioInPillole

Immagine dell'articolo: Europa League, Napoli-Rijeka: 2-0, nel nome di Maradona

Nella notte del tributo a Diego Armando Maradona, il Napoli scendeva in campo per affrontare il Rijeka nella 4a giornata della fase a gironi di Europa League.

Il primo tempo di Napoli-Rijeka

La prima frazione inizia su ritmi blandi, con un Napoli che prova a scalfire il muro innalzato dal Rijeka. La compagine croata si difende bene, chiude gli spazi e obbliga gli azzurri a forzare dei passaggi che poi vengono intercettati e trasformati in contropiede.

Nonostante questo, il Napoli va vicino al gol in diverse occasioni: prima Elmas, poi Demme e Petagna fino ad arrivare alla grande occasione di Politano. L’ex Inter e Sassuolo viene imbeccato con una palla splendida da Petagna, ma davanti al portiere si lascia ipnotizzare e non riesce a sbloccare il match.

Il Rijeka intanto sfiora il gol in contropiede con Muric prima e con Lonciar poi, nella seconda occasione strepitoso Meret. Pochi minuti dopo il Napoli sfiora di nuovo la rete con Di Lorenzo che, dopo una palla spaziale di Demme, si fa parare (splendidamente) il tiro dal portiere avversario.

Alla fine però, al 41esimo, il Napoli trova la rete di vantaggio: azione personale di Zielinski sulla sinistra, il polacco mette palla in mezzo e trova Politano. L’esterno mancino anticipa l’ex azzurro Anastasio e fa 1-0 prima del termine del primo tempo.

Il secondo tempo

Nella seconda frazione i ritmi sono ancora più bassi rispetto ai primi 45 minuti. Il Napoli aspetta il Rijeka e raramente affonda la giocata, senza forzare come accaduto nel primo tempo.

Dopo pochi minuti Demme sfiora la rete, poi calma piatta fino al 72esimo, momento della svolta. Prima grande occasione per Petagna che non colpisce bene la palla e manda alto. Poi arriva un’altra super opportunità, questa volta sui piedi di Maksimovic che a porta vuota non riesce a raddoppiare. Alla fine però il gol del 2-0 arriva: splendida palla di Insigne che trova Lozano. Il messicano dinanzi al portiere non può sbagliare e regala il doppio vantaggio ai suoi compagni.

Il match scorre con il Napoli che gestisce la palla senza sforzarsi più di tanto. Un Rijeka rassegnato attende inerme il triplice fischio finale, che arriva e sancisce l’eliminazione matematica dei croati. Nell’altra partita del girone pareggiano Az e Real Sociedad, regalando così al Napoli (9 punti) il primo posto in solitaria. Seguono gli olandesi e gli spagnoli entrambi a 7 punti. Nella prossima giornata i partenopei sfideranno l’Az in Olanda in una sfida decisiva in termini di qualificazione, mentre il Rijeka se la vedrà con la Real Sociedad.