Dalla condanna di Sarri al Milan: la Serie A e il giudizio sospeso

OneFootball

Mario De Zanet

Immagine dell'articolo: Dalla condanna di Sarri al Milan: la Serie A e il giudizio sospeso

L’ultimo ballo di Serie A, godiamocelo.

L’ultimo weekend arriva e ci lascia, con la prospettiva unica, inedita, di aver una lunga corsa davanti: la Champions ed Europa League sono ancora tutte da scrivere.

Sarebbe stato bello finire con il botto, con lo Scudetto ancora da assegnare, ma ci possiamo accontentare di aver avuto un vincitore, designato dal campo.

Chissà, come ce la ricorderemo questa Serie A, tra qualche anno.

Tanto, presumibilmente, dipenderà dal destino di Sarri alla Juventus e Conte all’Inter.

Chissà, cosa dirà la storia, se questo sarà lo scudetto del caso. Non se lo meriterebbe Sarri, perché c’é molto di più, ma paradossalmente quest’uomo dovrà ancora dimostrare.

Dovrà vincere in una stagione normale.

Dipende, insomma, da come lo si racconta questo campionato. Da chi lo racconta.

Lazio e Inter sono squadre non attrezzate oppure poco assistite dalla sorte, condannate da calendario e/o infortuni? Ognuno costruirà il proprio romanzo attorno a questa Serie A 2019/20.

Chiedete a Pioli, ma soprattutto al Milan. Oggi è tutto affascinante e il futuro splendente, con quel Benjamin Button al timone, ma nessuno sa come saranno i rossoneri che saranno. Se questa solidità, si confermerà nella prossima stagione: quantomeno, grazie alla conferma di Pioli, potremo dare un giudizio appropriato.

Lo stesso, ad esempio, potremmo dire del Sassuolo.

Ecco perché dovremo attendere per conoscere a fondo questa Serie A. Anche le sue sensazioni, offuscate da quegli stadi vuoti, a dissipare traguardi memorabili, come il nono scudetto consecutivi della Juventus, la Champions raggiunta dalla Lazio e la straordinaria, ennesima, stagione dell’Atalanta.

Ma, alla fine, per quanto parzialmente alterati, i valori si sono riflessi in una classifica che non si può che definire esatta: la Juventus ha meritato, come le 3 dirette inseguitrici hanno meritato la Champions.

E via discorrendo, in attesa di sapere chi ci sarà l’anno prossimo tra Genoa e Lecce.