Barcellona, Griezmann si sfoga per la prima volta

Logo: CalcioInPillole

CalcioInPillole

Immagine dell'articolo: Barcellona, Griezmann si sfoga per la prima volta

Antoine Griezmann ha parlato. Il francese si è concesso ai microfoni della trasmissione spagnola “Universo Valdano” e non ha lasciato spazio a dubbi con le sue dichiarazioni.

Non rilascio dichiarazioni dal giorno della mia presentazione, perché ho sempre voluto far parlare il campo. Ma ora basta, è arrivato il momento di mettere le cose a posto. Ho sopportato alcuni commenti per troppo tempo”.

Un campione che si è mostrato nella sua veste più intima e fragile. “È dura per me, ogni mattina ne leggo una diversa. Se non è contro Leo è che me ne voglio andare dal Barça, che mi venderanno a gennaio. Spero che dopo questa intervista si calmino un po’ tutti con me. Ho bisogno dell’aiuto di tutti, dai tifosi alla società passando per i giornalisti. Quello dei compagni già ce l’ho, così come la fiducia di Koeman. Avevo anche quella di Valverde, mentre con Setien sono ancora un po’ arrabbiato. Ma è giusto che l’allenatore decida sempre”.

Il rapporto con la Pulce è stato uno dei temi caldi dell’intervista. “Sono arrivato al Barcellona dopo averlo rifiutato l’anno prima. Al mio arrivo ho parlato con Messi e mi ha detto che avevo sbagliato a rifiutare la prima volta, ma che sarebbe stato sempre al mio fianco, fino alla morte. Ed è che quello che fa ogni singolo giorno. Leo sa che ho solamente rispetto e ammirazione per lui.

Un Barça bisognoso di Griezmann

Il francese è chiamato a tornare ai livelli di un tempo mai come prima. Il Barcellona sta infatti affrontando una crisi nera, che rischia di essere amplificata se non dovessero arrivare i tre punti in Champions contro la Dinamo Kiev. Dalla trasferta ucraina sono stati lasciati a casa Messi e De Jong per scelta tecnica, a dimostrazione del momento delicato in casa blaugrana. Koeman ha minimizzato l’accaduto annunciando il turnover, ma l’olandese deve anche risolvere la grana infortuni, con Piqué e Sergi Roberto out.

Il francese a Kiev sarà chiamato fin da subito a mettere fine al tabù trasferta: solo una rete nelle ultime 14 apparizioni fuori casa in Champions (a febbraio a Napoli).